Scopriamo tutto di miart 2023 (14 – 16 aprile, Allianz MiCo, Milano)

di Redazione
0 commento 16 visualizzazioni 5 min lettura
A+UN-
Ripristina

Il Club degli Orafi Italia parteciperà a miart – fiera internazionale di arte moderna e contemporanea 
con la mostra Double Face, Tangible and Intangible in Art Jewelry a cura di Alba Cappellieri. Scopriamo tutto sulla Fiera milanese!

miart 2023 – 27a edizione della fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea

Crescendo è titolo e parola chiave della 27ª edizione di miart (14 al 16 aprile 2023 | preview VIP 13 aprile), fiera internazionale d'arte moderna e contemporanea di Milano organizzata da Fiera Milano e diretta da Nicola Ricciardi. Nel linguaggio musicale, l’espressione indica l’aumento graduale d’intensità del suono; in relazione alla fiera indica soprattutto la progressiva crescita di partecipazione e pubblico riscontrata negli ultimi due anni e il desiderio di continuare su questa traiettoria ascensionale anche negli anni a venire.

Nel 2023 aumentano infatti le gallerie partecipanti (169 da 27 Paesi), cresce del 40% la compagine internazionale degli espositori, raddoppiano premi e acquisizioni, e rifiorisce il rapporto e lo scambio con la città, le sue istituzioni e i suoi cittadini grazie a una nuova edizione della Milano Art Week e a inedite collaborazioni con Triennale Milano e Fondazione Nicola Trussardi.

Ispirati al concetto di Crescendo, i contenuti della fiera per la prima volta fuoriescono come radici dal proprio vaso per innestarsi in altri luoghi della città, partendo con Triennale Milano che sabato 15 aprile dalle 12.00 alle 19.00 ospita miart LIVE at Triennale Milano, una serie di incontri che coinvolgono grandi nomi del mondo della cultura come Massimiliano Gioni e Beatrice Trussardi, Jonathan Monk e Angharad Williams, Gianni Pettena e Italo Rota e che si sviluppano introno alla capacità dell’arte di far presa su altri luoghi e discipline lontani dai contenitori tradizionali. Collaborazione quella tra miart e Triennale Milano sottolineata anche da una nuova edizione di FOG – Triennale Milano Performig Arts, che nei giorni della fiera presenta le prime italiane di Jeremy Nedd e Impilo Mapantsula (12-13 aprile) e dei Dewey Dell (15-16 aprile).

Particolarmente significativa la sinergia con la Fondazione Nicola Trussardi che sceglie di dare inizio ai festeggiamenti per i suoi primi 20 anni come museo nomade proprio all’interno dei padiglioni della fiera: il 13 aprile Beatrice Trussardi e Massimiliano Gioni coinvolgeranno il pubblico presente nel taglio di una torta regalata da Maurizio Cattelan.

La circolazione di contenuti dentro e fuori la fiera viene ribadita anche dall’inedita partnership con MSGM che commissiona per l’ingresso di miart un'opera site specific al duo Eva & Franco Mattes. Composta da canaline digitali, l'istallazione fa circolare al suo interno immagini invisibili che vengono casualmente regalate ai visitatori attraverso lo smartphone del duo via AirDrop. L’opera genera una connessione umana in contrapposizione all'idea della fiera come luogo di sole transazioni commerciali: ogni visitatore, avrà la possibilità di portare via, e a sua volta ridistribuire, un contenuto artistico unico.

Per la prima volta poi i temi della fiera vengono veicolati anche via radio con The Sound of miart powered by Radio Deejay, Radio Capital e m2o, una serie di playlist musicali create dalle radio del Gruppo Gedi, che, scaricabili da QR code presenti in fiera, seguono il mood delle sezioni Established, Emergent, Decades.

Infine, le sinergie tra il sistema dell'arte, i cittadini e il territorio sono sottolineate anche da una nuova edizione della Milano Art Week (11 – 16 aprile), la manifestazione diffusa coordinata da miart e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, in occasione della quale aprono alcune mostre della stagione nelle principali sedi cittadine. Tra queste: Ann Veronica Janssens da Pirelli HangarBicocca; Candice Lin | Premio Arnaldo Pomodoro per la Scultura alla GAM Galleria d'Arte Moderna in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro; Yuri Ancarani e la Project Room di Silvia Giambrone al PAC; il progetto Forum 900 al Museo del Novecento; Diego, l'altro Giacometti Hortus Alchemicus alla Fondazione Luigi Rovati; Dara Birnbaum all'Osservatorio Fondazione Prada. Protagonisti di Milano Art Week anche gli spazi di Fondazione Prada con Cere Aanatomiche, Fondazione ICA Milano con Nathlie Provosty e Triennale Milano con Lisa Ponti. Disegni e vociText e Droog30. Design or Non-design? e con un nuovo allestimento per il Museo del Design Italiano, performance e installazioni. Attività specialivisite guidate e aperture straordinarie caratterizzando gli spazi che presentano mostre già avviate come Palazzo Reale, Museo della Scienza e della Tecnologia, Armani/Silos e Gallerie d'Italia, che apre eccezionalmente il caveau con un excursus nell'arte del Novecento italiano e internazionale. Non mancano poi iniziative dedicate all'arte pubblica, grazie all'inaugurazione di tre nuove opere di Rossella Biscotti, Liliana Moro, Otobong Nkanga per ArtLine; al doppio intervento di Franco Mazzucchelli in Triennale e alla Darsena, in collaborazione con l'Ufficio Arte Pubblica; e a Falena, l'installazione monumentale di Nico Vascellari pensata per l’esterno del palazzo di Triennale Milano. 

IL CLUB DEGLI ORAFI ITALIA PARTECIPERÀ A miart 2023 CON LA MOSTRA DOUBLE FACE

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando il presente modulo si acconsente alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web.